How to read World History in Art 3

Document technical information

Format pdf
Size 6.4 MB
First found Jun 9, 2017

Document content analysis

Category Also themed
Language
Italian
Type
not defined
Concepts
no text concepts found

Persons

Barbara Bush
Barbara Bush

wikipedia, lookup

Mort Walker
Mort Walker

wikipedia, lookup

Anne Hathaway
Anne Hathaway

wikipedia, lookup

Vladimir Lenin
Vladimir Lenin

wikipedia, lookup

Piero della Francesca
Piero della Francesca

wikipedia, lookup

Bruno Latour
Bruno Latour

wikipedia, lookup

Mikhail Fridman
Mikhail Fridman

wikipedia, lookup

Anton von Werner
Anton von Werner

wikipedia, lookup

Organizations

Places

Transcript

How to read
World History
in Art
2
3
SOMMARIO
755
La rivolta di An Lushan
1517
82
800
L’incoronazione di Carlo Magno
Prefazione
7
1750 a.C.
Il codice di Hammurabi
10
1274 a.C.
La battaglia di Kadesh
12
La guerra di Troia
14
La guerra assiro-giudea
16
La fondazione dell’Impero persiano
18
La terza crociata
L’uccisione del tiranno
Ipparco ad Atene
1204
499 a.C.
Le guerre greco-persiane
24
399 a.C.
La morte di Socrate
26
Le conquiste di Alessandro Magno
28
238 a.C.
La battaglia di Kaikos
34
La fondazione
degli ordini mendicanti
36
La caduta di Baghdad
Annibale e la seconda guerra punica 40
La battaglia di Benevento
202 a.C.
1271
46
48
50
52
54
58
60
62
64
452
70
La battaglia di Crécy
La grande peste
L’ascesa di Tamerlano
Giovanna d’Arco
e la liberazione di Orléans
I Medici al potere a Firenze
1453
La restaurazione dell’Impero romano 76
La caduta di Costantinopoli
630
1492
80
La scoperta dell’America
4
170
1571
124
1821
L’indipendenza della Grecia
178
180
182
La peste
La guerra civile inglese
La pace di Westfalia
Il governo di Luigi XIV
La prima guerra russo-turca
184
188
192
198
202
204
La fondazione della Pennsylvania
206
1683
134
L’assedio turco di Vienna
210
1688
136
La Gloriosa rivoluzione
212
1754
140
Le elezioni britanniche
214
1755
142
La conquista cinese
dello Xianjang
216
1756
146
La guerra dei Sette Anni
218
L’indipendenza degli Stati Uniti
220
Il giuramento della Pallacorda
224
1792
156
La presa delle Tuileries
264
266
268
228
270
La guerra di Crimea
274
1856
Il massacro di Pottawatomie
276
1859
La battaglia di Solferino
278
1861
L’unità d’Italia
280
1861
La guerra di Secessione
282
Il bombardamento di Guernica
338
340
1938
La notte dei cristalli
344
1939
La Seconda guerra mondiale
348
1941
La Shoah
354
1945
La bomba atomica
360
1950
La guerra di Corea
362
1960
L’indipendenza del Congo belga
364
1963
L’assassinio di John F. Kennedy
La guerra in Vietnam
284
L’assassinio di Martin Luther King
366
368
370
1977
La morte di Steve Biko
286
Il terrorismo in Germania
La modernizzazione
del Giappone
288
1989
290
2001
1870
1870
372
1977
1868
Il crollo del Muro di Berlino
374
376
Gli attacchi terroristici
dell’11 settembre
380
Indice dei nomi
383
Referenze iconografiche
392
294
1871
La proclamazione
dell’Impero tedesco
336
1933
1968
1867
L’esecuzione di Massimilano
d’Asburgo in Messico
334
1964
1863
La rivolta di gennaio in Polonia
332
1929
La grande depressione
262
324
1919
La repubblica di Weimar
260
316
1918
L’influenza spagnola
258
312
1917
La rivoluzione d’ottobre
254
1853
La presa di Roma
1789
154
La Prima guerra mondiale
252
1937
L’industrializzazione
308
1914
L’ascesa del nazismo
La guerra franco-prussiana
1776
150
La prima rivoluzione in Russia
La rivoluzione messicana
246
1850
196
La nascita della metropoli moderna 304
L’abolizione della schiavitù
nei domini britannici
La Primavera dei popoli
302
1910
1848
194
La guerra sino-giapponese
1833
La nascita del socialismo utopico
300
1905
244
1846
1682
132
240
1830
La rivoluzione in Belgio
1600
La nascita della
Seconda internazionale
1900
1830
La rivoluzione di Luglio
1600
La resa di Breda
238
1825
La prima linea ferroviaria
1676
130
Il naufragio della Medusa
L’ultima fase
delle guerre di religione
1661
126
La rivolta contro
Napoleone in Spagna
298
1894
1808
1585
La guerra dei Trent’anni
236
1816
172
1648
1434
74
552
La conquista della Mecca
120
1432
La battaglia di San Romano
529
La fondazione del monastero
di Montecassino
La fine dei Templari
1568
1642
1429
312
Gli Unni in Italia
118
1370
260
La vittoria di Costantino
La battaglia degli speroni d’oro
166
1630
1347
127
La vittoria di Šapūr I sui Romani
116
L’incoronazione di Napoleone
La battaglia di Trafalgar
1625
1346
106
Il regno di Kanishka
Nascita e sviluppo dei Comuni
164
La Comune
1889
1804
1618
114
La prima campagna d’Italia
L’incontro tra Europei
e Giapponesi
L’espansione europea
1397
70
La vittoria romana sui Daci
La fine dei Principati crociati
162
1805
La ribellione di Jahangir
112
L’abolizione della schiavitù
nelle colonie francesi
1543
La sconfitta dell’Invincibile Armata
108
1871
230
1796
1588
1302
27 a.C.
La distruzione di Gerusalemme
104
1300
31 a.C.
Il principato romano
102
1291
58 a.C.
La morte di Cleopatra
Il viaggio di Marco Polo
La battaglia di Mohács
La battaglia di Lepanto
1211
218 a.C.
La conquista della Gallia
100
1209
L’elezione a re tedesco
di Federico II
160
1526
La guerra degli Ottant’anni
1208
1266
La fondazione della dinastia Han
98
1258
221 a.C.
La fondazione dell’Impero cinese
I crociati a Costantinopoli
La crociata contro i Catari
333 a.C.
96
1189
508 a.C.
22
92
L’assassinio di Marat
1794
1526
1159
La ribellione di Heiji
539 a.C.
La conquista spagnola
del Messico
La battaglia di Panipat
1096
La prima crociata
701 a.C.
90
1071
La conquista turca dell’Anatolia
1200 a.C.
84
1066
La conquista normanna
dell’Inghilterra
1793
158
1521
996
L’incoronazione di Ottone III
La Riforma
296
5
333 a.C.
LE CONQUISTE DI ALESSANDRO MAGNO
La battaglia tra Alessandro e Dario.
II secolo a.C. Mosaico. Napoli, Museo Archeologico Naizonale.
Dalla Macedonia alla Sogdiana
334 a.C.
Alessandro Magno inizia la sua campagna conto l’Impero
persiano, approdando con una forza modesta – si stima
40.000 uomini – in Asia Minore. Dopo la battaglia sul fiume Granico, s’impadronisce dei più importanti porti della costa dell’Egeo.
333 a.C.
Il grosso dell’esercito persiano è sconfitto nella battaglia
di Isso, combattuta vicino all’odierna città turca di
İskenderun.
La forza della gioventù Alessandro è rappresentato senza elmo e con
la chioma dei capelli sciolta, come emblema dell’eroe giovane e del suo coraggio,
così com’è stato spesso ricordato anche nei secoli successivi.
332 a.C
Alessandro entra in Egitto ed è salutato dai sacerdoti del
santuario di Siwa come «figlio del dio Ammone».
331 a.C.
Il Gran re Dario è nuovamente sconfitto a Gaugamela nell’odierno Iraq settentrionale. Fuggito nei territori orientali del suo regno è ucciso da uno dei suoi satrapi. Alessandro conquista i più importanti centri dell’Impero persiano, da Babilonia a Persepoli.
330-327 a.C.
Grazie a un’alleanza con parte della nobiltà persiana, Alessandro rinforza il proprio esercito e si spinge attraverso
l’odierno Afghanistan fino a Maracanda, oggi Samarcanda,
sottomettendo l’instabile regione della Sogdiana.
28
Il grandioso mosaico, rinvenuto a Pompei nel 1831 nel perimetro
di una lussuosa abitazione privata, raffigura lo scontro tra gli eserciti
di Alessandro e Dario III ed è ritenuto da alcuni una copia della pittura
che Filosseno di Eretria eseguì attorno al 320-300 a.C. per Cassandro,
successore di Alessandro come re di Macedonia. Si tratterebbe quindi
di una testimonianza realizzata a ridosso degli eventi e negli ambienti
macedoni vicini al protagonista. La composizione vive della
contrapposizione tra Alessandro e il suo avversario Dario III, che indossa
un elmo, tra i quali si instaura un intenso scambio di sguardi.
Ombre e lumeggiature Il mosaicista che usa tessere
di pietra calcarea in quattro colori (bianco, giallo, rosso,
blu-nero) è capace di utilizzare ombre e lumeggiature
per dare ai corpi plasticità, aspetto che si coglie in
particolare nel manto dei cavalli.
© 2009 Ludion Publishers, Antwerpen/Flavio Febbraro e Burkhard Schwetje
Il Grande re impaurito Il re persiano Dario
è già in fuga sul suo carro da guerra e volge
uno sguardo pieno di terrore al suo avversario.
Alla conquista dell’Oriente
Alessandro Magno divenne nel breve arco della sua vita –
morì a 33 anni non ancora compiuti – il conquistatore per antonomasia, modello a cui aspiravano compararsi monarchi e
condottieri di tutta l’età antica e oltre. Nel 336 a.C., a vent’anni, successe al padre Filippo II come re della Macedonia e riuscì a confermare la supremazia macedone sulle città greche, costruita dal padre e sancita dalla Lega di Corinto sin dal 338 a.C.
Subito dopo diede inizio alla sua campagna militare contro
l’immenso Impero persiano, presentando la guerra di conquista propagandisticamente come vendetta greca contro le offese e i soprusi inflitti dai Persiani ai Greci nei secoli precedenti.
Superando l’Ellesponto e penetrando nell’Asia Minore, il successo militare gli arrise subito e riuscì a costringere alla fuga il
Gran re persiano Dario III nella battaglia di Isso. Dopo questa
vittoria, gli si aprirono le porte dell’intero Medio Oriente.
29
333 a.C.
LE CONQUISTE DI ALESSANDRO MAGNO
PANTALEONE, L’ascensione di Alessandro.
1163-1166. Mosaico. Otranto, Cattedrale.
Un amalgama macedone-persiano
Gran re
A partire dalla conquista del centro dell’Iran nel 331 a.C.,
Alessandro comincia a utilizzare questo titolo persiano e
adotta usi e costumi della corte di Persia, avviando la creazione di una nuova cultura che fonde elementi grecomacedoni con tradizioni locali.
Il peccato di superbia Con l’intento di esplorare e superare i confini del mondo,
Alessandro avrebbe commesso il peccato di superbia e per questo il re
è inserito nell’iconografia del mosaico pavimentale accanto alla costruzione
della torre di Babele, altro celebre atto di alterigia della tradizione cristiana.
Proskynesis
Dal 327 a.C. Alessandro introduce il saluto rituale della
proskynesis al sovrano: anche se gli uomini più elevati nel
rango sociale non si dovevano genuflettere o sdraiare davanti al monarca, ma eseguivano un gesto che consisteva
nel portare la mano destra alla bocca facendo segno di
soffiare un bacio al re, solo inchinandosi o perfino senza
abbassare la testa, l’introduzione del rituale è avversato da
Macedoni e Greci.
Venerazione
Il re macedone chiede di essere venerato come dio e pretende che le città del suo impero offrano sacrifici al suo
nome e gli dedichino altari e recinti sacri.
Matrimoni
Alessandro aveva già sposato la nobile iranica Rossana nel
327 a.C. Nel 324 a.C. organizza a Susa un matrimonio in
cui, come si racconta, diecimila ufficiali e soldati macedoni sposano donne dell’Asia. Alessandro si lega anche ad altre due donne persiane.
30
© 2009 Ludion Publishers, Antwerpen/Flavio Febbraro e Burkhard Schwetje
Il lupo e l’albero L’ossatura dell’intero mosaico
è costituita dall’albero della vita che nasce dall’ingresso
della chiesa ed estende i suoi rami fino all’altare: simbolo
forse della via della salvezza, l’albero è minacciato
dal peccato, simboleggiato dal morso del lupo.
Verso i confini del mondo
Alessandro Magno non si accontentò della conquista dell’immenso Impero persiano, e ripartì nel 327 a.C. per una nuova campagna che dovette portarlo verso l’India, un paese
leggendario per i Greci di cui si conoscevano solo approssimativamente i contorni. Il re macedone affrontò con il suo
esercito di guerrieri greci e persiani le truppe dei piccoli principati del Punjab – a est dell’Indo – con alterne fortune, riuscendo a sottomettere questi stati. Alessandro volle continuare
la campagna, esplorando i territori a Est del Punjab per giungere al mitico «mar d’Oriente», ma nell’estate del 326 a.C. i
suoi soldati si rifiutarono di seguirlo ancora e lo costrinsero a
iniziare il lungo viaggio di ritorno verso la Persia, dove il suo
esercito arrivò stremato all’inizio del 324 a.C.
L’Alessandro Magno dei mosaici della cattedrale
di Otranto è inserito in un complesso programma
iconografico con variegati riferimenti all’antico
testamento e al sapere medievale. La scena
fa riferimento a una leggenda popolarizzata
dal Romanzo d’Alessandro, un’opera nata
a partire dal III secolo a.C. e tramandata
in molteplici forme: Alessandro, una volta
raggiunta l’estremità del mondo in India, avrebbe
voluto conoscere il confine tra terra e cielo,
compiendo quindi un’ascensione verso le sfere
celesti, portato in un cesto tirato da due grifoni.
Grifone e pertica Racconta il romanzo
che Alessandro prese due pertiche su cui infilzò del fegato
d’animale per invogliare i grifoni a volare in alto.
31
333 a.C.
LE CONQUISTE DI ALESSANDRO MAGNO
Miniatura per il Libro dei Re di Ferdowsi.
L’influenza cinese I vorticosi movimenti delle fiamme
e delle nuvole sono una citazione dalla pittura cinese
con cui i miniaturisti persiani erano entrati
in contatto nel contesto dell’Impero mongolo.
Dopo la morte di Alessandro
Un eroe divorato dalle passioni
Il giovane Alessandro, che in dieci anni di interminabili e
fiaccanti campagne militari costruì un impero mondiale, ci viene descritto dalle fonti antiche come un uomo divorato da fortissime passioni che spesso lo portarono a eccessi di rabbia e
reazioni violente: nel 328 a.C. a Maracanda, in Asia centrale,
uccise durante un banchetto – sotto l’influsso dell’alcool –
l’amico d’infanzia Clito, che era diventato uno dei suoi più valorosi generali, perché l’aveva schernito. Nel 324 a.C. quando
morì l’amico e amante Efestione, fece crocifiggere il medico accusato di aver trascurato la malattia del defunto e si lasciò andare a un massacro tra la popolazione dei Cossei per sfogare il
dolore per l’amico perso. Facilmente e sempre più spesso si abbandonò all’alcool durante banchetti e feste dionisiache. Dopo
una di queste, accusò nel 323 a.C. un lieve malore che si tramutò in stato febbrile. Morì pochi giorni dopo.
I regni dei diadochi: Alessandro muore lasciando come
eredi un fratellastro inetto e il figlio Alessandro IV, che nasce solo dopo la sua morte dalla moglie iranica Rossana. I
suoi generali, chiamati diadochi, si spartiscono allora l’Impero; nelle lunghe guerre di successione, emergono infine
quattro regni indipendenti: Macedonia, Pergamo, il regno dei Seleucidi con il centro tra Siria e Mesopotamia e
l’Egitto.
Questa pagina faceva parte di un codice – ormai smembrato – del
Libro dei Re di Ferdowsi. Questo poema epico tratta in modo romanzato
la storia della Persia e dedica spazio anche ad Alessandro Magno.
Descritto in modo contraddittorio, appare sia come principe persiano
e legittimo pretendente al trono iraniano sia come condottiero furioso
e nemico del popolo di Persia. In questa miniatura è raffigurato un
episodio di una battaglia tra le truppe di Alessandro e i principi dell’India.
Economia: le conquiste di Alessandro e la messa in circolazione di enormi quantità di argento e oro, sottratto
al tesoro imperiale persiano, portano a profondi sconvolgimenti economici. Sono favoriti lo sviluppo dei grandi latifondi e la crescita delle città – in particolare delle
nuove metropoli fondate da Alessandro e dai diadochi
tra cui Alessandria, Pergamo, Antiochia – dove si sviluppa un’economia basata sulle attività artigianali e il commercio.
Cavalli di ferro Ferdowsi racconta che Alessandro fa costruire cavalli
e cavalieri di ferro, montati su ruote. Riempiti di petrolio e sputando fuoco,
queste macchine di guerra erano lanciate contro le truppe indiane,
che disponevano a loro volta dei temibili elefanti.
Vita culturale: sono secoli di vivace sviluppo culturale e
scientifico in cui si fondano stimoli della cultura greca con
tradizioni delle antiche civiltà mediorientali. Simbolo di
questa sintesi culturale è la biblioteca di Alessandria, la più
grande dell’antichità, in cui furono raccolti i testi greci e le
traduzioni in greco delle opere dei popoli orientali.
32
© 2009 Ludion Publishers, Antwerpen/Flavio Febbraro e Burkhard Schwetje
1335 circa. Cambridge, Harvard University Art Museums.
33
312 LA VITTORIA DI COSTANTINO
PIERO DELLA FRANCESCA, Il sogno di Costantino.
1459-1466. Affresco. Arezzo, Chiesa di San Francesco.
Il segno sugli scudi
Lo storiografo di fede cristiana Lattanzio descrive in modo piuttosto allusivo il nuovo
emblema scelto da Costantino per le sue legioni in occasione della battaglia al Ponte
Milvio. Il segno, che secondo il racconto dello scrittore tardo-antico gli sarebbe stato
indicato in sogno, è stato interpretato come:
Monogramma di Cristo: composto dalle lettere greche χ e ρ, ovvero dalle prime lettere della parola Cristo secondo l’ortografia greca.
Staurogramma: ovvero il simbolo della croce cristiana che si ottiene sovrapponendo
le lettere greche τ e ρ, che fanno parte della parola «stauros» (croce).
Croce ansata: un simbolo di origine egiziana che potrebbe essere riletto come un affiancamento tra la croce e il sole simboleggiato dal cerchio.
L’indice dell’angelo L’angelo che appare
nell’angolo superiore dell’affresco è la fonte
della luce ovvero della visione. Punta il suo indice verso
Costantino, come se penetrasse con questo gesto
nei pensieri dell’imperatore.
66
L’affresco Il sogno di
Costantino si inserisce nel
ciclo delle Storie della Vera
Croce che Piero della
Francesca realizzò per la
cappella della ricca famiglia
dei mercanti Bacci
all’interno della Chiesa
di San Francesco ad
Arezzo. Il ciclo è costituito
da 12 riquadri che narrano
la leggenda medievale
della croce di Gesù Cristo:
nel complesso racconto,
Costantino riveste un ruolo
da protagonista; sarebbe
stato lui ad aver sollecitato,
dopo la battaglia del Ponte
Milvio e la sua visione, la
ricerca della vera croce.
Il sogno di Costantino
racconta la vicenda
della visione della croce
nel modo che ci è stato
tramandato da Lattanzio:
siamo alla vigilia della
battaglia e l’imperatore
dorme in una tenda
dell’accampamento
militare che si scorge,
in secondo piano, sotto
il cielo notturno.
© 2009 Ludion Publishers, Antwerpen/Flavio Febbraro e Burkhard Schwetje
Il viso dell’imperatore La scena è illuminata dall’alto
da un unico fascio di luce che sta a indicare
la rivelazione che Costantino riceve dalla visione divina.
A parte l’angelo nell’angolo in alto a sinistra, Piero
della Francesca non dipinge nulla di sovrannaturale,
scegliendo di evocare la visione non attraverso
una narrazione didascalica ma grazie alla composizione
complessiva dell’affresco e al sapiente gioco di luci.
Il soldato che veglia sul suo signore ha l’espressione
di assorta e sospesa contemplazione che caratterizza
tanta pittura di Piero della Francesca.
Un imperatore cristiano?
Già all’epoca della vita di Costantino vi erano resoconti
della battaglia del Ponte Milvio che collegavano la sua vittoria su Massenzio alla presunta adesione dell’imperatore al
cristianesimo. Lattanzio, poeta e retore cristiano che venne
chiamato nel 315 alla corte dell’imperatore come insegnante
del figlio Crispo, racconta: «A Costantino viene indicato in
sogno il segno celeste di dio che avrebbe dovuto fissare sugli scudi dei suoi soldati per andare alla battaglia. Fa quello
che gli è ordinato e segna Cristo sugli scudi, scrivendo una
X girata con l’estremità superiore piegata. Armato di questo
segno, l’esercito attacca». Non si sa se Costantino avesse
scelto effettivamente un nuovo tipo di distintivo per le sue
truppe in occasione della campagna contro Massenzio o se
si tratta di un racconto propagandistico inventato dal cortigiano di fede cristiana per far apparire Costantino come
«protettore dei cristiani». Iniziò comunque in quel momento una lunga tradizione che fece di Costantino l’imperatore cristiano per antonomasia.
67
630 LA CONQUISTA DELLA MECCA
Miniatura per Il giardino della purezza di Mir Havand.
1585-1595. Berlino, Museum für Islamische Kunst.
La nascita di un nuovo impero
629 Un piccolo esercito arabo-islamico giunge fino in Palestina, ma è respinto dai Bizantini.
632 Muore Maometto e il suo primo successore (califfo)
Abu Bakr riesce a dare stabilità all’alleanza definita da
Maometto.
Il profeta In molte culture
islamiche il divieto di rappresentare
visivamente uomini e altri esseri
viventi è interpretato in modo
rigido, così che si hanno poche
raffigurazioni artistiche che
raccontano la storia dell’Islam
e dei suoi protagonisti.
Diverso è il caso della cultura
persiana, che ha sviluppato
un forte interesse per le miniature
che raccontano la storia e le trame
della letteratura. Il volto di
Maometto però non viene mai
raffigurato, e in questa miniatura è
nascosto da un velo su cui è scritto
in lettere arabe «O Maometto».
Anche il viso di Ali è nascosto
da un velo. Entrambi sono
raffigurati con un nimbo di fiamme
per sottolinearne la sacralità.
634 Gli eserciti arabo-islamici conquistano Damasco; consentono comunque agli abitanti di mantenere la propria fede e i propri costumi contro il pagamento del
testatico. Questo rapporto verrà instaurato anche con
altre popolazioni sottomesse.
636-637 In due distinte battaglie sono sconfitti sia i Bizantini sia i Sassanidi: i due imperi, dominanti allora
nel Medio Oriente, erano già indeboliti per le lunghe guerre che li avevano opposti.
640 Le truppe arabo-islamiche raggiungono l’Egitto.
651 L’ultimo re sassanide è ucciso; tutta la Persia è in mano agli Arabi. La loro espansione continua verso l’India e l’Asia centrale.
681-682 Gli Arabi controllano l’Africa settentrionale fino alla costa atlantica.
80
Vissuto nel XV secolo tra
gli odierni Uzbekistan
e Afghanistan, l’erudito Mir
Havand (o Mirkhond)
ha scritto opere storiche
in lingua persiana.
Una fra queste è Il giardino
della purezza, che racconta
le origini dell’Islam
e la storia dei popoli
e delle dinastie islamiche.
La miniatura qui riprodotta
proviene da una copia
cinquecentesca dell’opera
ed è stata realizzata
da un anonimo artista
dell’odierno Iran:
raffigura la rimozione degli
idoli pagani dalla Ka’ba,
ovvero da quella
costruzione nera a cubo
che oggi è il santuario più
venerato dei musulmani
e che, prima del 630, era
un tempio dell’antica
religione pagana dell’Arabia.
Si tratta quindi di un
momento di alta rilevanza
simbolica in cui Maometto
sancisce l’adesione
della città all’Islam.
© 2009 Ludion Publishers, Antwerpen/Flavio Febbraro e Burkhard Schwetje
Ali venerato dagli sciiti La miniatura è stata dipinta
in Persia sotto la dinastia safawide, che aveva fatto
dell’Islam sciita la religione di stato. Proprio per questo
appare sulle spalle di Maometto suo genero Ali, come
coprotagonista dell’islamizzazione della Mecca.
Ali era stato il suo quarto successore dal 656 al 661,
ma la sua elezione fu contestata da altri esponenti
autorevoli della comunità. Ebbe così origine la divisione tra
sunniti e sciiti, che presto sarebbe sfociata in guerra
e nell’uccisione di Ali. Per gli sciiti, Ali rimane il più fedele e
degno seguace di Maometto e capostipite dei legittimi
successori del profeta.
Dall’esodo alla conquista
La neonata comunità islamica si costituì in soggetto politico in seguito alla Hidschra (esodo) del 622: Maometto lasciò
in quell’anno la sua città natale, Mecca, con un gruppo di sostenitori che avevano aderito all’Islam, la nuova fede che il
profeta aveva proposto in seguito alle rivelazioni ricevute. La
piccola comunità, entrata in conflitto con una parte del patriziato meccano, si spostò nella poco lontana città di Yathrib,
più tardi chiamata Medina, dove furono ben accolti e dove a
Maometto fu affidato il compito di rappacificare diversi clan
in conflitto. Maometto riuscì in questo compito e portò i clan
della città a un accordo che assicurò pace ed equilibrio. Presto
aderirono a questo accordo altre tribù e clan dei dintorni e la
comunità di Yathrib poté gareggiare con il patriziato meccano
per il controllo del territorio e delle piste carovaniere dell’Arabia occidentale. Ne nacque un conflitto armato tra le due
città, ma nel 630 i meccani si arresero e Maometto e la sua comunità occuparono pacificamente la Mecca, introducendovi
l’Islam. A partire da questa alleanza tra città e tribù arabe, i
successori di Maometto crearono in pochi decenni un impero
che cambiò radicalmente la geografia politica del Medio
Oriente e del mondo.
81
755 LA RIVOLTA DI AN LUSHAN
La fuga dell’imperatore Xuanzong nel Sichuan.
La strada di montagna L’artista dedica molta attenzione
alla descrizione pittorica del paesaggio di montagna.
La provincia di Sichuan, situata nei contrafforti orientali
dell’altopiano tibetano, è effettivamente caratterizzata
da spettacolari montagne. In particolare l’artista introduce
nel paesaggio anche un’ardita costruzione stradale
con passerelle sospese realizzate in legno.
La Cina dei Tang
La Cina raggiunge sotto la dinastia Tang (618-907) il suo
secondo periodo di splendore dopo l’epoca Han (202 a.C.9 d.C.):
L’agricoltura è riordinata – all’inizio del periodo – a favore
dei piccoli proprietari con una ridistribuzione della terra. Il
commercio interno e quello con l’estero si incrementano.
La Cina controlla nuovamente l’Asia centrale, dove si scontra
con l’espansionismo del califfato abbaside. La sua egemonia
politica si estende anche a parti della Corea e del Vietnam.
L’influenza culturale si propaga fino al Giappone.
Una ribellione fallita
Con l’ascesa al trono di Xuanzong della dinastia Tang nel
712 si aprì un periodo di relativa tranquillità politica e di grande fioritura culturale. Nell’immenso impero acquisirono però
sempre più potere i comandanti militari spesso di origine straniera, a scapito della tradizionale gerarchia dei funzionari; nello stesso momento, si spensero gli effetti benefici della riforma
fondiaria del secolo precedente: aumentò l’importanza del latifondo, e il carico fiscale – comunque pesante per le elevate
spese militari – non era più distribuito in modo equo. Si aggiunsero conflitti di potere tra i diversi clan della classe dirigente: nel 755 un generale di origine centro-asiatica, An
Lushan, comandante militare della frontiera nordorientale, si
mise alla testa di militari e funzionari scontenti e marciò sulla
capitale. L’imperatore Xuanzong fuggì e infine abdicò, ma il
suo successore riprese l’iniziativa e represse la rivolta. Dopo la
morte di An Lushan nel 757, l’esercito dei ribelli si frantumò
in bande che devastarono le province orientali dell’impero. Il
bilancio della rivolta e della successiva guerra civile fu disastroso, ma la dinastia Tang riuscì a ristabilire l’ordine con l’aiuto dei suoi alleati tra i popoli nomadi, riordinò il sistema fiscale
e sopravvisse ancora più di un secolo.
Le donne e le amanti Del seguito imperiale fanno parte molte donne: Yang Guifei,
la concubina di Xuanzong, lo accampagnò effettivamente nella fuga.
Le guardie costrinsero però Xuanzong ad abbandonare Yang Guifei, a cui furono
addossate le colpe della rovina della dinastia: la donna fu decapitata durante la fuga.
Si costituisce un impero multinazionale che include popoli
non cinesi e soprattutto nomadi di lingua turca che forniscono all’impero cavalieri, soldati e generali di grandi capacità.
Nell’impero convivono diverse religioni: il buddismo si affianca alle tradizionali filosofie cinesi del confucianesimo e
del taoismo, creando un’originale sintesi delle tre correnti.
Nascono anche le prime comunità musulmane e cristianonestoriane. A periodi di tolleranza, si alternano comunque
fasi di reazione degli ambienti conservatori con diverse persecuzioni.
82
© 2009 Ludion Publishers, Antwerpen/Flavio Febbraro e Burkhard Schwetje
VIII-XI secolo. Inchiostro e colori su seta, 56 x 81 cm.
Taipei, National Palace Museum.
Il dipinto è eseguito nello stile blu-verde, tipico della pittura di paesaggio
dell’epoca Tang, ma si tratta probabilmente di una copia più tarda di un
originale realizzato a pochi anni dagli eventi: ambientato in un paesaggio
di montagna, l’anonimo artista racconta la fuga dell’imperatore Xuanzong
nella regione del Sichuan nella Cina sudoccidentale, dopo che An Lushan
ha occupato l’antica capitale Luoyang e minaccia Chang’an, residenza dei
Tang. La storiografia tradizionale cinese fa della concubina dell’imperatore,
Yang Guifei, il capro espiratorio della ribellione del 755 e delle sue disastrose
conseguenze: preso dall’amore travolgente per la donna, l’imperatore
avrebbe trascurato gli affari di governo, perdendo il controllo del paese.
Servitori e guardie L’imperatore a cavallo è seguito
dai suoi servitori e dalle guardie. In particolare il secondo
cavaliere, con il vestito chiaro, è identificabile come
un soldato grazie all’arco che porta con sé.
Della carovana fa parte anche un cammello, utilizzato
all’epoca in Cina come animale da soma.
83
IX-X secolo
I Vichinghi – ovvero le popolazioni germaniche di Norvegia e Danimarca – attaccano e saccheggiano le coste inglesi, francesi e penetrano profondamente nell’entroterra
attraverso i fiumi. Giungono anche in Spagna e nel Mediterraneo.
911
I Danesi guidati da Hrôlfr (latinizzato in Rollone) s’insediano
sulle coste francesi della Manica. Il suo popolo viene chiamato Normanni (uomini del Nord) e Rollone diventa vassallo
del re di Francia Carlo il Semplice.
1002
Emma di Normandia, figlia del duca Riccardo I, sposa il re
anglosassone d’Inghilterra Etelredo l’Inetto. I legami fra Normandia e Inghilterra diventano sempre più stretti.
1042
Edoardo il Confessore, figlio di Etelredo ed Emma, diventa re d’Inghilterra.
1052 circa
Edoardo il Confessore concede a Guglielmo il Bastardo il
diritto di successione al trono inglese; così almeno è stato
tramandato dalle fonti.
1064
Aroldo, mentre è prigioniero in Normandia, presta giuramento di fedeltà a Guglielmo il Bastardo.
1066
Guglielmo il Bastardo, poi il Conquistatore – figlio illegittimo del duca Roberto di Normandia –, s’impossessa della corona d’Inghilterra.
1066 LA CONQUISTA NORMANNA
DELL’INGHILTERRA
L’arazzo di Bayeux. 1070 circa. Ricamo su lino bianco,
53 x 6800 cm. Bayeux, Musée de la Reine Mathilde.
Un nuovo re per le terre d’Anglia
Il regno d’Inghilterra si formò tra la fine del X secolo e
l’inizio dell’XI, alternando al potere dinastie anglosassoni e sovrani danesi che si contendevano il territorio della cosiddetta
eptarchia, i sette originali domini tra cui spiccava la contea
del Wessex. Quando Canuto l’Ardito, l’ultimo sovrano danese, morì senza eredi, nel 1042 gli succedette il fratellastro da
parte di madre Edoardo il Confessore, sassone che per 25 anni era stato in esilio in Normandia. Edoardo inaugurò un lungo periodo di pace e prosperità, ma dovette fare i conti con la
rivolta di Godwin, duca del Wessex, che si opponeva all’influenza normanna voluta dal re. Nonostante ciò, Edoardo stabilì che il suo successore sarebbe stato Guglielmo, duca di
Normandia, mettendo in secondo piano le rivendicazioni anglosassoni. Alla morte di Edoardo, nel 1066, fu però Aroldo,
figlio di Godwin, a proclamarsi re con il consenso della nobiltà locale, causando la reazione armata di Guglielmo. Quest’ultimo, con l’avvallo papale, armò una flotta e attraversò la
Manica, giungendo a scontrarsi con Aroldo nella battaglia di
Hastings, dove Aroldo trovò la morte. Iniziava il dominio normanno sull’Inghilterra che avrebbe profondamente influenzato la storia della Gran Bretagna.
Aroldo giura fedeltà a Guglielmo L’arazzo illustra gli
antefatti dell’invasione dal punto di vista normanno. Infatti
Aroldo, naufragato in Normandia nel 1064 e consegnato
a Guglielmo, è rappresentato mentre giura fedeltà al duca
sulle spoglie di un santo, riconoscendogli dunque il diritto
alla successione sul trono d’Inghilterra. Aroldo avrebbe
quindi tradito la parola data e Guglielmo avrebbe agito
per rivendicare un diritto calpestato. Come in un fumetto,
delle scritte in latino accompagnano gli episodi, aiutando
a comprenderne il significato. Qui la scritta «Harold
sacramentum fecit Willelmo duci» significa «Aroldo prestò
giuramento al duca Guglielmo».
92
© 2009 Ludion Publishers, Antwerpen/Flavio Febbraro e Burkhard Schwetje
Da Rollone a Guglielmo I
Lungo 68 metri e alto 53 centimetri, l’arazzo di Bayeux racconta
in 58 scene l’epopea della conquista normanna dell’Inghilterra.
Realizzato a ricamo su un drappo di lino bianco – in realtà quindi non
si tratta di un arazzo – per molto tempo fu attribuito a Matilde di Francia,
moglie di Guglielmo il Conquistatore. Probabilmente fu invece
commissionato da Oddone, fratellastro di Guglielmo e vescovo di Bayeux,
e realizzato in Inghilterra, nel Kent, di cui Oddone fu duca. Portato
in Francia a Bayeux, l’arazzo doveva essere esposto nella cattedrale della
città come testimonianza della gloria normanna. Nell’episodio
rappresentato nell’immagine in alto, i Drakkar normanni – le navi
da combattimento – solcano il mare dello stretto della Manica per sbarcare
in Inghilterra. Sulla prua a forma di drago della prima imbarcazione sono
attaccati gli scudi con lo stemma di Guglielmo.
Il volto del traditore L’aspetto di Aroldo è volutamente contrassegnato in maniera
negativa. Sguardo sfuggente, mento acuto, fronte bassa, baffi appuntiti: tutto vuole
trasmettere l’immagine di una persona infida e pronta al tradimento. È un esempio
di una prima rappresentazione della fisionomia degli individui, che non è più solo
una maschera legata al ruolo, ma il segno di una personalità e di una psicologia propria.
93
I rapporti di potere al tempo di Guglielmo e Aroldo erano informati dal sistema feudale; così anche il giuramento di fedeltà di Aroldo fa riferimento al feudalesimo. Dopo la conquista normanna, Guglielmo rafforzò il sistema feudale in
Inghilterra.
Investitura: è la cerimonia durante la quale veniva affermato il patto di alleanza e di fedeltà fra due signori.
Vassallo: dal latino «vassus» (servo) è il guerriero, il signore che si sottomette a un altro, ne riconosce la superiorità
e gli giura fedeltà su un testo sacro. Il vassallo promette
aiuto e consiglio al suo signore e, soprattutto, collaborazione militare.
Senior o Dominus: è il signore che riceve l’omaggio e l’atto di sottomissione del vassallo che consiste nell’inginocchiarsi davanti a lui e porre le mani nelle sue. In cambio, il senior considera il vassallo un suo familiare e lo “premia” con
la concessione di un beneficio.
Beneficio o feudo: è la “paga” del vassallo e consiste in un
territorio, un castello o anche una funzione pubblica dati in
godimento per tutta la durata della vita. I benefici divennero rapidamente ereditari, trasformandosi in una parte consistente del patrimonio dei vassalli.
Allodio: è l’insieme di beni e territori che un signore possiede in piena proprietà, senza averli cioè ricevuti in beneficio.
1066 LA CONQUISTA NORMANNA
DELL’INGHILTERRA
La battaglia di Hastings
Le sorti del conflitto fra il normanno Guglielmo e l’anglosassone Aroldo II si decisero il 14 ottobre 1066 sull’altura di
Senlac Hill, a pochi chilometri da Hastings nel Sussex. Su
questa collina si trincerò a difesa la fanteria pesante di Aroldo,
attaccata per tutto il giorno dagli arcieri e dalla cavalleria normanna. Nella mattinata l’offensiva dei Normanni non ottenne
alcun risultato, infrangendosi contro le linee compatte dei sassoni. In seguito però le file sassoni iniziarono a disunirsi finché
la cavalleria riuscì a penetrare all’interno di questo schieramento uccidendo Aroldo. Nel racconto tradizionale della battaglia, Aroldo viene prima colpito da una freccia all’occhio e
poi finito dai cavalieri a fil di spada, come illustra la scena intessuta sull’arazzo. In realtà oggi si tende a pensare che l’uomo colpito dalla freccia non sia lui.
La morte di Aroldo L’uomo sulla destra e la cui figura è incorniciata dalla scritta
«Harold» è colpito da una freccia: si tratterebbe dunque proprio di Aroldo
e della descrizione della sua morte. In realtà nella tradizione medievale l’essere colpiti
da una freccia in un occhio era la fine considerata giusta per chi si fosse macchiato
di spergiuro: pertanto Aroldo, avendo tradito la sua parola data a Guglielmo,
non poteva che aspettarsi questo destino che l’arazzo puntualmente conferma.
94
© 2009 Ludion Publishers, Antwerpen/Flavio Febbraro e Burkhard Schwetje
Le parole chiave del feudalesimo
La cavalleria normanna Punto di forza dello
schieramento normanno era la cavalleria, formata da nobili
addestrati al combattimento, coperti d’armatura e protetti
da elmo e scudo. Armati di una lunga lancia e di spada,
la loro carica in campo aperto era irresistibile. Inoltre i cavalieri
sellavano i loro destrieri utilizzando la staffa, che consentiva
di colpire rimanendo in sella e di non essere disarcionati
dall’impatto del colpo sferrato con la lancia.
La vita quotidiana nell’anno Mille Nelle fasce superiore e inferiore
dell’arazzo sono raffigurate, tra l’altro, scene della vita di tutti i giorni,
come la lavorazione della terra con l’erpice e la semina:
l’utilizzo del cavallo, il giogo al collo dell’animale, l’erpice che traccia
il terreno sono alcune delle innovazioni tecniche introdotte al tempo
di Guglielmo il Conquistatore nell’agricoltura europea.
Questi strumenti favorirono una migliore resa dei campi e quindi l’aumento
della popolazione tra l’XI e la prima metà del XIV secolo.
95
1517 LA RIFORMA
PIETER BRUEGEL IL VECCHIO, La predica di San Giovanni Battista.
Giovanni Battista e Gesù Giovanni Battista
indica Gesù (in veste azzurra) come il Messia,
ma non sono loro i protagonisti del quadro,
perché appaiono immersi nella folla variopinta
che costituisce il vero oggetto d’interesse per l’artista.
Riforma e riformatori
Un nuovo modo di concepire la religione cristiana
Il monaco tedesco Martin Lutero fu il primo, nel 1517, a
dare pubblicamente voce a un diffuso malessere verso la
chiesa romana e a promuovere una nuova concezione individualista della fede che – nello spirito dell’umanesimo dell’epoca – voleva liberarsi da interpretazioni imposte e
approdare a una lettura diretta delle testimonianze bibliche.
La diffusione delle sue idee fu favorita da due fattori: intanto
trovò la protezione del principe elettore Federico il Saggio di
Sassonia, sovrano del territorio in cui Lutero viveva e agiva,
che era intenzionato a utilizzare il movimento di riforma per
allargare i propri spazi di autonomia rispetto a chiesa e Impero. Fu cruciale però la disponibilità della tecnologia della
stampa, diffusasi proprio nei decenni precedenti, che permise di distribuire volantini, pamphlet e opuscoli in centinaia e migliaia di copie. A partire dalla predicazione di
Lutero e altri, sarebbero però presto nati movimenti più radicali che, oltre a mettere in dubbio l’autorità delle gerarchie
ecclesiastiche, chiedevano una revisione dell’ordine sociale.
1517 Martin Lutero diffonde le sue 95 tesi contro la pratica delle indulgenze vendute per soldi.
1518 In una disputa pubblica in cui si deve difendere contro l’accusa di eresia, Lutero nega l’autorità papale,
appellandosi al principio che solo la Bibbia deve essere fondamento della fede.
Lo zingaro e il borghese Tra la folla si trovano rappresentate tutte le classi sociali: qui
uno zingaro legge la mano a un esponente della borghesia. L’idea dell’uguaglianza degli
uomini davanti alla parola di dio rimanda al clima diffuso dai movimenti riformatori più
radicali che trovavano nella Bibbia l’ispirazione per una critica sociale molto determinata.
1521 Lutero è scomunicato da papa Leone X e bandito dall’imperatore Carlo V. Trova però sostegno presso il
suo sovrano, Federico il Saggio di Sassonia.
1522 A Zurigo, Ulrich Zwingli guida un programma di riforma ecclesiale in stretta connessione con le autorità comunali.
1525 Lutero riorganizza la chiesa della Sassonia che viene
sottomessa all’autorità del principe territoriale.
1525 Attorno a questa data, si forma tra i sostenitori di
Zwingli il movimento degli anabattisti che unisce rivendicazioni sociali a una radicale critica teologica.
1541 Giovanni Calvino inizia a introdurre a Ginevra la sua
versione molto rigorosa della teologia e della prassi
riformatrice.
158
© 2009 Ludion Publishers, Antwerpen/Flavio Febbraro e Burkhard Schwetje
1566. Olio su tavola, 95 x 160,5 cm. Budapest, Museo delle Belle Arti.
In apparenza Pieter Bruegel racconta in questa tavola l’episodio biblico
della predicazione di Giovanni Battista, precursore di Gesù. La scena
appare però calata nel mondo di Bruegel, i Paesi Bassi del XVI secolo.
L’artista dipinge infatti un momento tipico della vita quotidiana di quei
tempi, ovvero il sermone di un esponente della riforma:
questi raccoglievano i propri fedeli fuori le mura delle città, per sottrarsi
al controllo delle autorità spagnole che all’epoca controllavano
i Paesi Bassi e perseguitavano il movimento riformatore.
Uomini venuti da lontano Tra la folla si trovano
diversi esponenti di popolazioni extraeuropee:
a sinistra si riconosce un guerriero dell’Asia,
sopra un dignitario turco. Sottolineano la valenza
universale del messaggio evangelico.
159
1796 LA PRIMA CAMPAGNA D’ITALIA
ANTOINE-JEAN GROS, Il generale Bonaparte
al ponte d’Arcole, il 17 novembre 1796.
Il volto dell’eroe L’ardore e la determinazione
del giovane condottiero traspaiono nello sguardo fiero.
La lunga capigliatura, alla moda dei rivoluzionari,
gli incornicia il volto; indossa la divisa blu scuro con
il colletto rosso dei generali della repubblica, mentre
un foulard nero lascia scorgere il collo bianco
della camicia: insomma, tutto il quadro ci consegna
l’immagine d’eroismo e slancio patriottico
che Bonaparte vuole incarnare, quella stessa immagine
che il giornale per i soldati francesi «Corriere dell’armata
d’Italia» così riassumeva nell’ottobre 1797:
«Egli [Bonaparte] vola come il lampo e colpisce come
la folgore. Egli è dappertutto e vede tutto».
Da una vittoria all’altra
26 marzo 1796
A Nizza il generale Bonaparte assume il comando dell’armata
d’Italia.
12-21 aprile
Napoleone s’inserisce fra l’esercito austriaco e sardo passando
dalla Liguria al Piemonte attraverso gli Appennini. Sconfigge separatamente e più volte entrambi gli eserciti.
28 aprile
A Cherasco Vittorio Amedeo III di Savoia è costretto a sottoscrivere un umiliante armistizio. Il Piemonte è nelle mani
francesi.
10-15 maggio
Gli Austriaci sono sbaragliati a Lodi e l’armata d’Italia entra
in trionfo a Milano.
Agosto-novembre
Gli Austriaci si riorganizzano e tentano più volte di ribaltare la situazione militare. Il 17 novembre ad Arcole sono di
nuovo sconfitti.
L’ascesa del giovane Napoleone
Messo a capo dell’armata d’Italia a non ancora 27 anni,
Bonaparte stupì i suoi nemici e lo stesso governo francese per
la fulminea rapidità delle sue vittorie militari. Napoleone infatti
– dopo una veloce carriera che lo aveva visto protagonista della repressione della rivolta monarchica avvenuta a Parigi nell’ottobre 1795 – era stato incaricato dal Direttorio di condurre
l’attacco all’Austria e al regno di Sardegna, suo alleato, attraverso la Pianura Padana. Nelle intenzioni dei politici francesi la
sconfitta dell’Austria non era compito di Bonaparte, più che altro impiegato in una manovra diversiva per dividere le forze avversarie, ma dei più esperti generali Jourdan e Moreau, al comando di due armate che attraverso le vallate del Meno e del
Danubio avrebbero dovuto minacciare Vienna. Invece Napoleone e i suoi 38.000 uomini inanellarono una vittoria dopo l’altra a partire dall’aprile 1796, costringendo gli Austriaci ad abbandonare prima Milano e poi tutta l’Italia settentrionale.
Iniziava così l’epopea napoleonica, il mito del generale invincibile, e una fama conquistata sul campo di battaglia ma consolidata da un’attenta opera di propaganda a cui lo stesso Napoleone dedicò impegno e risorse.
Presente in Italia sin dal 1793, Antoine-Jean Gros si trovava nel 1796
a Genova dove venne in contatto con Giuseppina Beauharnais, moglie
di Napoleone, che lo condusse con sé a Milano. Qui fissò i tratti del
condottiero, fra una battaglia e un incontro politico, e realizzò un primo
abbozzo (ora al Louvre) che fu approvato da Bonaparte. Su questa base
Gros realizzò il famoso ritratto, esposto al Salon del 1801, che fissa
il momento in cui il generale, secondo la leggenda napoleonica, guida
all’assalto del ponte di Arcole i suoi soldati: la mano sinistra sulla bandiera,
la destra che impugna la sciabola, Bonaparte ha lo sguardo rivolto indietro
alla truppa, ma tutto il corpo è proteso innanzi verso il fumo della battaglia.
14 gennaio 1797
A Rivoli Veronese si consuma l’ennesima disfatta austriaca.
Mantova, ultima roccaforte imperiale, capitola il 2 febbraio.
Ad aprile i Francesi giungono a cento chilometri da Vienna.
La sciabola sguainata Nella mano
avvolta in uno spesso guanto da
combattimento, Napoleone ha la sciabola
sguainata: sulla lama si legge:
«Bonaparte Armée d’Italie». Sullo sfondo
emergono tra le nebbie e i vapori
del combattimento alcune case, mentre
in basso s’intravede il fiume. Nella realtà
storica, Napoleone non forzò alla testa
delle sue truppe il ponte di Arcole: a farlo
fu invece qualche suo ufficiale di cui, però,
non è rimasta traccia nei libri di storia.
17 ottobre 1797
Dopo aver trattato direttamente con gli Austriaci, Napoleone
sigla l’armistizio di Campoformio che sancisce il predominio
francese in Italia e conferma, per quanto riguarda la Germania, il possesso francese della Renania. All’Austria va Venezia che perde la sua secolare indipendenza.
238
© 2009 Ludion Publishers, Antwerpen/Flavio Febbraro e Burkhard Schwetje
1801. Olio su tela, 73 x 59 cm. Versailles, Châteaux de Versailles et de Trianon.
239
Cause
La volontà degli stati del Sud di difendere il sistema schiavistico sul quale si reggeva la loro società, contro le istanze di modernizzazione espresse dagli stati settentrionali.
Contendenti
19 stati del Nord a cui si aggiungono cinque stati di frontiera che, seppur conoscessero la schiavitù, non aderiscono alla secessione, per un totale di 24 stati con circa 22
milioni di abitanti. 11 stati del Sud con circa 9 milioni di
abitanti di cui un terzo costituito da schiavi afroamericani.
Principali teatri di guerra
La Virginia dove si trova Richmond, la capitale della confederazione del Sud, e la confinante zona attorno alla capitale federale di Washington, che rimangono contese fino alla fine della guerra; le regioni attorno al Mississippi,
controllate dalle truppe del Nord dall’estate 1863; il Kentucky e il Tennessee sotto controllo del Nord dalla battaglia di Chattanooga del novembre 1863; la marina degli
stati settentrionali pone inoltre un blocco navale a coste e
porti del Sud.
1861 LA GUERRA DI SECESSIONE
WINSLOW HOMER, Un giorno di pioggia nell’accampamento.
1871. Olio su tela, 50,8 x 91,4 cm. New York, Metropolitan Museum.
Verso la modernizzazione degli Stati Uniti
Nel corso degli anni Cinquanta dell’Ottocento il dibattito
intorno allo schiavismo aveva polarizzato la società degli Stati
Uniti tra un Sud, prevalentemente agricolo e latifondista, che lo
difendeva, e un Nord che, per ragioni politiche, economiche e
morali, voleva giungere a una sua graduale abolizione. Quando
Abraham Lincoln, il candidato del partito repubblicano che
raccoglieva le istanze abolizioniste, vinse le elezioni presidenziali nel novembre 1860, alcuni stati del Sud scelsero la via della secessione. A partire dall’aprile 1861 ne conseguì una guerra devastante in cui entrambi i contendenti mobilitarono
enormi risorse e in cui furono utilizzate nuove tecnologie militari soprattutto dagli stati del Nord: il risultato fu la morte di
più di 600.000 soldati senza contare i civili. Alla fine la completa vittoria arrise al Nord: la schiavitù fu abolita in tutti gli
Stati Uniti, anche se gli Afroamericani rimasero ancora a lungo
discriminati; il governo federale degli Stati Uniti uscì rafforzato dalla guerra, mentre tutta la società americana ricevette una
profonda spinta modernizzatrice.
Gli animali L’atmosfera dell’accampamento militare
è resa grazie alle tende, il carro coperto e, soprattutto,
i cavalli allineati in secondo piano. In primo piano,
un mulo che sembra scuotersi di dosso l’acqua piovana.
282
Winslow Homer inizia la sua carriera negli anni
Cinquanta dell’Ottocento come illustratore
per il crescente mercato delle riviste illustrate
e, con l’incarico di corrispondente-disegnatore,
è inviato nel 1861 dall’importante rivista
«Harper’s Weekly» sul fronte della guerra
di Secessione. In questo contesto, raccoglie
materiale che trasformerà negli anni seguenti
in tele a olio che raccontano la vita dei soldati
dell’esercito del Nord: così come appare in questa
tela, che non raffigura una situazione reale
ma si appoggia a schizzi realizzati sul fronte
della Virginia in diversi momenti del 1862.
© 2009 Ludion Publishers, Antwerpen/Flavio Febbraro e Burkhard Schwetje
La guerra civile americana
L’attesa Spesso, nei suoi dipinti di guerra, l’artista
si concentra sulla vita quotidiana dei soldati,
tralasciando gli aspetti più drammatici e crudeli
dei combattimenti. In Un giorno di pioggia
nell’accampamento i soldati sembrano sospesi tra l’attesa
per una prossima azione e la nostalgia di casa, mentre
cade una fitta pioggia, resa dall’artista con pennellate
grigie che scendono diagonalmente dall’alto a sinistra.
283
1867 L’ESECUZIONE DI MASSIMILIANO
D’ASBURGO IN MESSICO
ÉDOUARD MANET, L’esecuzione dell’imperatore
Massimiliano del Messico.
I veri colpevoli L’atto d’accusa di Manet verso la Francia
è chiaro nella scelta di fare indossare al plotone
d’esecuzione e al graduato la divisa dell’esercito imperiale
francese, invece che quella dei repubblicani messicani.
Nel meccanico e indifferente atto con cui il soldato
carica il suo fucile è evidente la brutalità spersonalizzata
che l’artista vuole rappresentare nell’avvenimento.
La cronaca di un dramma
28 maggio 1864
Massimiliano sbarca a Veracruz dopo avere accettato la corona del paese offertagli da notabili conservatori che gli
garantiscono l’appoggio della popolazione. È costretto a rinunciare a qualsiasi diritto sull’Impero austriaco.
1864-1865
Il nuovo imperatore s’installa con la moglie Carlotta di Belgio a Città del Messico. Nell’ottobre 1865 Massimiliano offre l’amnistia a Juárez e ai suoi sostenitori e poi, al loro rifiuto, emette il «decreto nero» che condanna a morte ogni
ribelle.
31 maggio 1866
Dopo la richiesta formale statunitense di ritiro delle truppe,
Napoleone III abbandona il Messico. Carlotta ritorna in Europa a cercare inutilmente aiuto per il marito e impazzisce.
Una tragica avventura politica
Nel quadro generale dell’attivismo che caratterizzò la politica estera di Napoleone III, il sovrano francese intervenne nel
1861 nelle questioni interne messicane: approfittando del mancato pagamento del debito estero a opera del governo liberale
di Benito Juárez, i Francesi avviarono una campagna militare
che si concluse con la vittoria e l’instaurazione di una monarchia appoggiata dai conservatori locali. La corona del nuovo
“impero” fu offerta a Massimiliano d’Asburgo, fratello dell’imperatore austriaco Francesco Giuseppe, che si era distinto
come governatore del Lombardo-Veneto in Italia dal 1857 al
1859. Massimiliano accettò e giunse in Messico nel giugno
1864. Qui attuò una politica moderata e liberale, scontentando
i conservatori, ma Juárez continuò a considerarlo uno strumento nelle mani dello straniero. Intanto la situazione internazionale mutava: gli Stati Uniti, terminata la guerra civile, appoggiarono Juárez e la sua resistenza finché Napoleone III,
preoccupato anche per le vicende europee, nel 1866 ritirò le
truppe e abbandonò Massimiliano al suo destino. Arresosi ai
repubblicani nel maggio 1867, fu condannato a morte e fucilato il 19 giugno, sanguinoso monito della volontà messicana di
non tollerare mai più governi imposti da potenze straniere.
Il pubblico L’assenza di drammaticità si coglie negli spettatori – simbolo
di un popolo lontano dalla storia – che osservano la fucilazione da dietro il muro
come se si trattasse di uno spettacolo, quasi con divertita curiosità.
13 febbraio 1867
Massimiliano si ritira a Santiago de Querétaro e i repubblicani pongono l’assedio alla città. Dopo un fallito tentativo
di fuga, il re è preso prigioniero.
19 giugno 1867
Nonostante le pressanti richieste di grazia, Massimiliano
viene fucilato con l’assenso del presidente degli Stati Uniti
Andrew Johnson: egli intende mostrare la volontà americana di rifiutare ogni ingerenza europea.
286
© 2009 Ludion Publishers, Antwerpen/Flavio Febbraro e Burkhard Schwetje
1867. Olio su tela, 252 x 302 cm. Mannheim, Kunsthalle.
Venuto a conoscenza della fucilazione di Massimiliano, Manet fissa in
diverse versioni questo episodio di stringente attualità, realizzando di fatto
un atto di denuncia contro la sconsiderata politica estera di Napoleone III.
Una di queste versioni viene presentata alla sua personale organizzata
nello stesso 1867 al Pont de l’Alma a Parigi, ma in seguito egli non potrà
più esporre né vendere queste opere, in particolare la versione finale
realizzata nel 1868-1869 e qui riprodotta. L’artista era reduce dalle
provocazioni del Déjeuner sur l’herbe e dell’Olympia che l’avevano escluso
dalle esposizioni ufficiali, e in questa tela, ispirata alla famosa fucilazione
dipinta da Goya nel quadro 3 maggio 1808, Manet tralascia l’emotiva
partecipazione che anima il quadro romantico del maestro spagnolo per
rappresentare l’episodio con asciutta oggettività.
I condannati Massimiliano è al centro, vestito di scuro, con un sombrero
in capo che esalta il suo incarnato chiaro, mentre ai suoi fianchi vi sono i generali
Tomás Mejía (già colpito dalla scarica) e Miguel Miramón: i due indossano
una camicia candida, il viso più abbronzato, in studiato contrasto con le tonalità
di colore di Massimiliano; una rappresentazione che nelle intenzioni di Manet vuole
richiamare la crocifissione di Gesù e dei due ladroni.
287
1864 La Prussia insieme all’Impero austriaco attacca la Danimarca nella guerra «dei ducati». Occupano il territorio dello Schleswig-Holstein.
1866 In seguito a dissidi sull’amministrazione dello Schleswig-Holstein, scoppia la guerra fra Prussia e Impero
austriaco. Quest’ultimo è sconfitto e deve rinunciare a ogni idea di controllo sugli affari del mondo tedesco, di fatto sotto egemonia prussiana.
1867 La Prussia dà vita alla Confederazione tedesca degli
Stati del Nord a cui aderiscono 22 stati: questi mantengono il loro governo, ma unificano le forze armate sotto il comando della Prussia. Gli stati del Sud –
Baviera, Württemberg, Baden, Assia – sottoscrivono
un’alleanza militare difensiva con la Confederazione.
1867 La Francia prova ad acquisire dal re d’Olanda il Lussemburgo; di fronte all’opposizione prussiana, si
sfiora il conflitto armato ma si giunge a un compromesso che definisce la neutralità del granducato.
1868 In Spagna un colpo di stato militare detronizza la regina Isabella. Alla ricerca di un nuovo re, gli Spagnoli
interpellano più volte Leopoldo di Hohenzollern, causando l’ira francese.
1870 LA GUERRA FRANCO-PRUSSIANA
ADOLPH VON MENZEL. La partenza del futuro
kaiser Guglielmo I per il fronte il 31 luglio 1870.
1871. Olio su tela, 63 x 78 cm. Berlino, Alte Nationalgalerie.
Il dispaccio di Ems
La causa scatenante della guerra franco-prussiana fu, in un
certo senso, un equivoco, o meglio una provocazione ben orchestrata che spinse la Francia di Napoleone III ad attaccare
per prima. Infatti, quando nel 1870 la corona di Spagna fu offerta al principe tedesco Leopoldo di Hohenzollern con l’assenso della Prussia, la Francia vi si oppose con energia, in
quanto considerava la vicenda un tentativo tedesco di accerchiamento politico, vista anche la grande ascesa compiuta dal
regno tedesco in quegli anni. Leopoldo alla fine rinunciò al
trono, ma la Francia voleva maggiori assicurazioni: avvenne
così che l’ambasciatore francese domandò al re di Prussia Guglielmo I, che si trovava nel luglio 1870 nella località termale di
Ems, di confermare la rinuncia di Leopoldo e impegnarsi per
il futuro. Guglielmo rispose in termini affermativi ma in parte
laconici e riferì con un telegramma al suo primo ministro Ottone di Bismarck intorno all’esito del colloquio. Bismarck, però, non si lasciò sfuggire l’occasione: fece filtrare alla stampa
una versione sintetica del telegramma in cui Guglielmo sembrava insultare l’ambasciatore. L’opinione pubblica francese
reagì alla presunta offesa chiedendo a gran voce la guerra e, il
19 luglio 1870, questa fu dichiarata.
Una giornata ventosa Le bandiere che garriscono al vento sono quelle prussiane
(con l’aquila), le nero-bianco-rosse della Confederazione tedesca degli Stati del Nord,
che sarebbero diventate quelle del nascente Impero, e quelle della Croce Rossa,
allusione evidente alle vittime della guerra che si stava combattendo.
Sullo sfondo si riconosce la torre rossa del municipio di Berlino, mentre le persone
sui balconi e alle finestre acclamano la sfilata del monarca e salutano con i fazzoletti.
Guglielmo e la folla Mentre in secondo piano il re
in carrozza si sta recando alla stazione insieme alla moglie,
che piange e si nasconde il viso in un fazzoletto,
l’attenzione dell’artista si concentra sulla folla
e i suoi diversi atteggiamenti. In particolare due personaggi
leggono il giornale voltando, contro ogni convenienza,
le spalle al monarca. Uno dei due indossa il cappello
a visiera di una corporazione studentesca, ambiente
spesso nazionalista e liberale, e quindi si può identificare
in un rappresentante della borghesia intellettuale.
290
© 2009 Ludion Publishers, Antwerpen/Flavio Febbraro e Burkhard Schwetje
Gli antefatti del conflitto
Le cronache del tempo riferiscono che
la partenza di Guglielmo I per il fronte
fu un grande evento, accompagnato
da entusiasmo popolare e ardore patriottico
– nell’occasione fu concessa anche un’amnistia
per i reati politici – ma Menzel tratta l’episodio
soprattutto come occasione per dipingere
un paesaggio e la vita urbana; lo stesso primo
titolo del quadro, La via Unter den Linden
il pomeriggio del 31 luglio 1870, rimanda più
a una vivace e impressionistica rappresentazione
dell’universo della borghesia berlinese piuttosto
che a un’esaltazione del militarismo tipico
della monarchia prussiana.
L’opera quindi si contrappone a quadri come,
per esempio, La proclamazione dell’Impero
tedesco di Anton von Werner, che glorifica
le virtù militari germaniche, e fu accolto
dalla critica contemporanea con freddezza
e l’accusa di «sentimentalismo».
Deferenza e distrazioni Un compito signore già avanti con gli anni si è tolto
il cilindro e accenna un deferente inchino verso la coppia reale, ma lo strillone
alle sue spalle è più interessato al cane che sembra voler giocare.
La rivista del sovrano è quindi occasione di festa piuttosto che di ardore patriottico,
comunque richiamato dal saluto militare del soldato in secondo piano.
291
1914 LA PRIMA GUERRA MONDIALE
UMBERTO BOCCIONI, La carica dei lancieri.
1915. Tempera e collage su cartone, 50 x 32 cm.
Milano, Pinacoteca di Brera.
Il fronte italiano
Giugno 1915
L’esercito italiano attacca frontalmente gli Austriaci sul fiume
Isonzo. È la prima offensiva che porta il nome di questo fiune e a cui ne seguiranno ben altre dieci. Non si raggiungono
tuttavia risultati militari significativi.
Maggio 1916
Inizia la «spedizione punitiva» austriaca. L’attacco è portato
nelle valli montane del Trentino e penetra oltre il confine italiano per circa 20 chilometri.
Maggio-agosto 1917
Scoppiano a Milano e Torino tumulti e rivolte armate contro la guerra e il carovita.
Ottobre 1917
Il fronte italiano crolla a Caporetto in seguito all’offensiva austro-tedesca. Il comandante in capo Cadorna, inviso alle
truppe per la brutale disciplina imposta, è destituito.
Ottobre-novembre 1918
Gli Italiani riprendono l’iniziativa e superano, la prima volta
dopo Caporetto, il Piave. Le esauste truppe austriache sbandano. Il 4 novembre viene firmato l’armistizio.
318
Come molti intellettuali italiani del suo tempo,
Umberto Boccioni è un fervente nazionalista e
partecipa attivamente alla campagna a favore
dell’intervento. Per i futuristi come lui «la guerra,
sola igiene del mondo», spezzerà via la mediocrità
e i compromessi della società borghese per
inaugurare un’umanità nuova. Questa tragica
illusione riguarda molti intellettuali europei
e si infrangerà contro la violenza cieca della guerra
di trincea. Anche in questo quadro Boccioni esalta
quasi romanticamente la carica della cavalleria,
anche se il suo destino personale sarà ben diverso:
arruolatosi volontario, muore nel 1916
per una banale caduta da cavallo durante
un’esercitazione militare.
© 2009 Ludion Publishers, Antwerpen/Flavio Febbraro e Burkhard Schwetje
Lance contro fucili La sensazione di movimento domina
tutto il quadro e si sviluppa nelle masse arrembanti di cavalli e
cavalieri e nelle linee di forza delle lance che guidano lo
sguardo da destra verso sinistra. La carica sembra
inarrestabile e i nemici, schiacciati in fondo a sinistra, con i
loro fucili non possono nulla contro l’avanzata dei lancieri. Si
tratta, quindi, di una visione della guerra chiaramente ideale
ed eroica, ben lontana dalla realtà e dalla carneficina
quotidiana del conflitto.
L’Italia dalla neutralità all’intervento
Quando la guerra era in corso già da quasi un anno, anche
l’Italia si fece trascinare nel conflitto: il paese si era trovato nella condizione di dichiararsi neutrale in quanto, pur essendo
alleato con Germania e Austria sin dal 1882 nella Triplice alleanza, l’accordo era di carattere difensivo e quindi, poiché le
ostilità le aveva iniziate l’Austria, l’Italia aveva potuto tenersi in
disparte. A partire però dall’estate 1914 il governo italiano iniziò una serie di trattative segrete sia con i vecchi alleati sia con
le potenze dell’Intesa (Francia, Inghilterra, Russia) per ottenere le condizioni migliori in cambio della propria neutralità o del
proprio intervento. Nel paese intanto si faceva forte la voce
nazionalista che richiedeva la guerra contro i “vecchi” nemici
austriaci, che controllavano ancora città e territori rivendicati
dall’Italia. Alla fine il governo si accordò segretamente nell’aprile 1915 con Francia e Gran Bretagna, ben disposte a promettere all’Italia compensi territoriali che riguardavano solo i
comuni nemici. E così, nonostante la resistenza del parlamento e di una parte consistente dell’opinione pubblica, l’Italia dichiarò guerra all’Austria il 24 maggio, sospinta al conflitto dall’impegno del governo e dello stesso re Vittorio Emanuele III.
Collage Nello stile futurista è consuetudine inserire
nella composizione del quadro spezzoni di giornali,
riviste, scritte per rompere le barriere fra l’arte e
le altre forme espressive e rendere l’immediatezza
dei fatti. In questo quadro Boccioni incolla sopra
il supporto in cartone frammenti tratti da quotidiani
italiani che danno notizie sull’andamento della guerra.
319
1917 LA RIVOLUZIONE D’OTTOBRE
BORIS KUSTODIEV, Il bolscevico.
Il gigante Simbolo dell’avanzata inarrestabile della
rivoluzione, un gigante dallo sguardo determinato impugna
la bandiera rossa: siamo comunque ancora lontani da quei
personaggi scultorei che animeranno l’arte e la propaganda
del realismo sovietico a partire dagli anni Trenta.
Un anno di continui rivolgimenti
La presa del potere dei bolscevichi
Il 26 ottobre 1917 (secondo il calendario russo) i soldati
rivoluzionari e le milizie operaie occuparono il Palazzo d’Inverno a Pietrogrado, già residenza dello zar e sede del governo provvisorio presieduto da Aleksandr Kerenskij. Era
l’inizio della rivoluzione bolscevica, guidata da Lenin e Trotskij, che chiudeva con un colpo di mano la transizione dal
potere zarista iniziata nel febbraio-marzo 1917, quando una
prima rivoluzione aveva costretto Nicola II ad abdicare: in
quei mesi le forze moderate che guidavano il governo si erano convinte della necessità di continuare la guerra nonostante il suo andamento catastrofico e fu soprattutto intorno
a questo tema che Lenin riuscì a raccogliere consenso. I bolscevichi passarono all’azione all’inizio di novembre in una situazione di forte instabilità politica, mentre si succedevano
rivolte e tentativi di colpi di stato militari. Dopo il colpo di
mano di Pietrogrado, la rivoluzione si estese a Mosca e a tutto il resto del paese.
Le date seguono il calendario giuliano, in vigore in Russia
fino al 31 dicembre 1917.
2-3 marzo 1917
Lo zar Nicola II abdica. Il potere passa nelle mani di un governo provvisorio moderato e del soviet di Pietrogrado,
formato dai rappresentanti degli operai e dei soldati.
Civili e soldati Tra le gambe del gigante, a piedi e alcuni in automobile,
uomini armati e in divisa convergono da ogni strada: appartengono ai soviet dell’esercito
e alle guardie rosse, che sono stati gli artefici militari della rivoluzione d’ottobre.
4 aprile 1917
Lenin, tornato in Russia dalla Svizzera, espone al congresso del partito bolscevico il suo programma, chiedendo la
pace immediata e il passaggio del potere ai soviet.
3 luglio 1917
La guerra continua sotto la guida del ministro socialrivoluzionario Aleksandr Kerenskij, ma le truppe di Pietrogrado si ribellano. La sollevazione fallisce e Lenin fugge
in Finlandia.
Agosto 1917
Il generale Kornilov, capo delle forze armate, dirige le sue
truppe su Pietrogrado. Sono i soviet a organizzare la difesa e a salvare il governo presieduto da Kerenskij.
24 ottobre 1917
I bolscevici occupano i centri nevralgici della capitale. Il 26
prendono il Palazzo d’Inverno. Kerenskij abbandona la
Russia.
324
© 2009 Ludion Publishers, Antwerpen/Flavio Febbraro e Burkhard Schwetje
1920. Olio su tela, 101 x 141 cm. Mosca, Galleria Tretjakov.
Boris Kustodiev unisce in questo quadro
la tradizionale rappresentazione del popolo russo,
ereditata dal populismo ottocentesco,
all’entusiasmo per la rivoluzione bolscevica.
L’artista è dal 1916 relegato su una sedia
a causa di una paralisi, ma continua a lavorare
con energia, ricostruendo la realtà esterna
dalla sua stanza. Anche questo quadro restituisce
uno spicchio di mondo come osservato attraverso
una finestra, ma arricchito dall’elemento quasi
surreale del rivoluzionario gigante.
I palazzi del potere La bandiera rossa circonda i palazzi,
mentre la folla scende una scalinata per congiungersi con le
masse brulicanti sulle strade in basso che formano un unico
corteo verso l’angolo inferiore destro del quadro.
325
Vladimir Lenin: ideologo e primo artefice della rivoluzione
russa, governa l’Unione Sovietica (così chiamata dal dicembre 1922) nel difficilissimo periodo successivo all’ottobre
1917, attuando un progressivo accentramento del potere
nelle mani del partito. Ammalatosi gravemente nel 1922, attorno alla sua successione si scatena una lotta senza quartiere che vede vincitore Stalin.
Lev Trotskij: è l’artefice della costruzione dell’Armata rossa che sconfigge i «bianchi». Finita la guerra civile, si oppone a Stalin e all’apparato burocratico del partito in nome
di una rivoluzione che deve essere portata fuori dai confini russi. Bollato di «deviazionismo», nel 1929 è espulso
dall’URSS. È ucciso in Messico nel 1940 da un sicario di
Stalin.
Anton Denikin: comandante dell’Armata dei volontari nemici della rivoluzione, nel 1919 arriva a minacciare Mosca
ma è sconfitto a Orel. Le sue truppe si macchiano di frequenti e crudeli pogrom contro gli ebrei.
1917 LA RIVOLUZIONE D’OTTOBRE
KAZIMIR MALEVIČ, Cavalleria rossa.
1928-1932. Olio su tela, 91 x 140 cm. San Pietroburgo, Museo Russo.
La guerra civile
Preso il potere nell’ottobre 1917, i comunisti guidati da
Lenin avviarono un imponente programma rivoluzionario –
dalla distribuzione delle terre ai contadini alla nazionalizzazione di banche e industrie – che causò un’immediata sollevazione armata appoggiata da molti settori economici, politici e
militari. Questi ultimi, sostenuti dalle potenze europee che temevano l’espansione rivoluzionaria, diedero vita a una variegata Armata bianca di cui facevano parte cosacchi, volontari
cecoslovacchi presenti sul territorio russo, ufficiali zaristi e anche forze di sinistra ostili ai bolscevichi. A questi si contrappose l’Armata rossa, guidata e riorganizzata da Lev Trotskij,
che ripristinò la disciplina militare e l’efficienza operativa. La
guerra durò, tra alterne vicende, dal 1918 al 1921, causando
un numero imprecisato ma elevatissimo di vittime sia tra i militari sia tra i civili ma se il comunismo alla fine vinse la battaglia, questo risultato fu ottenuto attraverso una gestione spietata e accentrata del potere.
Simboli e geometrie L’avanguardia
degli artisti russi si mette subito
al servizio della rivoluzione e,
inizialmente, i vertici rivoluzionari
appoggiano il radicale sovvertimento
dei linguaggi operato dalle avanguardie
come segno del mutamento epocale
in corso. È anche il caso di questa
stampa propagandistica del 1920
di El Lissitskij, amico di Malevič,
intitolata significativamente Batti
il bianco con il cuneo rosso!:
le semplici forme geometriche e le
campiture di colore indicano la forza
travolgente dell’ideale rivoluzionario
che irrompe nel campo bianco.
326
© 2009 Ludion Publishers, Antwerpen/Flavio Febbraro e Burkhard Schwetje
Rivoluzionari e controrivoluzianari
Nel controverso rapporto tra arte e rivoluzione, Kazimir Malevič è un caso
emblematico: teorico dell’avanguardia suprematista, ricopre per tutti
gli anni Venti importanti cariche pubbliche e d’insegnamento.
Ma con l’avvento del realismo socialista, come unica espressione artistica
accettata dal potere sovietico, cade in disgrazia: nel 1930 è tratto in arresto
e pesantemente criticato. Ritorna allora al figurativismo, come in parte
nella Cavalleria rossa: la sottile linea dei cavalieri suggerisce l’adesione
dell’artista all’ideale rivoluzionario, nonostante le pesanti persecuzioni che
egli sta subendo in quegli anni.
327
Fra avanguardia e tradizione Isolata sullo sfondo
di un cielo vuoto, la carica della cavalleria pare inarrestabile:
le linee spesse di colore che definiscono il terreno isolano
ancora di più le uniche figure reali del quadro.
Si è quindi in presenza di elementi che rimandano ancora
all’astrattismo dell’avanguardia suprematista, coniugato
con il riapparire di elementi figurativi.
Friedrich Ebert: socialdemocratico, è presidente della repubblica di Weimar dal 1919 al 1925. Non esita ad allearsi
con l’esercito, espressione delle forze conservatrici e monarchiche, per reprimere ogni tentativo rivoluzionario di stampo
comunista come la sollevazione berlinese del gennaio 1919.
Gustav Stresemann: liberale conservatore, come cancelliere e ministro degli esteri riesce a stabilizzare la situazione tedesca a partire dall’agosto 1923: introduce una nuova moneta che mette sotto controllo l’inflazione, mentre
tratta con le altre nazioni una più equilibrata restituzione
degli indennizzi dovuti.
Matthias Erzberger: cattolico, è a capo della delegazione
tedesca che firma l’armistizio di Compiègne l’11 novembre
1918. Individuato dall’estrema destra come un «traditore» è assassinato da due sicari nell’agosto 1921.
Walther Rathenau: liberale, guida durante il conflitto la
produzione bellica. Nel dopoguerra, diventa ministro degli
esteri nel 1922 e firma l’accordo di Rapallo con l’Unione Sovietica. Viene ucciso nel giugno 1922 da due estremisti di
destra.
1919 LA REPUBBLICA DI WEIMAR
GEORGE GROSZ, I pilastri della società.
1926. Olio su tela, 200 x 108 cm. Berlino, Gemäldegalerie.
Da un disastro all’altro
Nella drammatica crisi che tutta l’Europa attraversò dopo
la prima guerra mondiale e che accomunò, in modi diversi,
vinti e vincitori, la Germania della repubblica di Weimar cercò
di far fronte al disastro economico, sociale e politico causato dal
conflitto. Infatti la repubblica (che prende il nome dalla piccola cittadina di Weimar dove si riuniva l’assemblea costituente
eletta nel gennaio 1919) dovette in primo luogo gestire le difficili trattative di pace con i vincitori, dopo che i generali e l’imperatore Guglielmo II avevano ceduto il potere per non assumersi la responsabilità della sconfitta. Inoltre la repubblica era
attaccata sia da destra che da sinistra, con continui tentativi di
rovesciamento e di rivolta armata. Infine dovette far fronte all’eccezionale iperinflazione causata dall’indebitamento enorme
dello stato che rese il marco, la moneta tedesca, simile alla carta straccia. Solo nel 1923 la Germania riprese fiato, inaugurando un periodo di crescita e sviluppo che durò fino al 1929,
quando la grande depressione partita dagli Stati Uniti ricacciò
il paese in una situazione insostenibile: si aprivano così le porte al nazismo e al suo delirante messaggio.
Il ghigno dei soldati Antimilitarista convinto, Grosz dipinge
soldati e poliziotti con il volto deformato dalla violenza e dalla
crudeltà. L’azione repressiva dei reparti dell’esercito e dei
cosiddetti «corpi franchi» era stata costante durante i primi
anni della repubblica di Weimar e sarebbe ripresa di lì a poco,
con l’organizzazione di corpi paramilitari e milizie politicizzate.
Croci uncinate e vasi da notte Il personaggio in primo
piano è un militante “anziano” di un’associazione
studentesca, organizzazioni in genere di stampo
ultranazionalista: egli impugna la sciabola e usa come
fermacravatta la croce uncinata del partito nazista, rifondato
da Hitler nel 1925. Sulle guance ha le cicatrici delle ferite da
sciabola, con cui gli aderenti alle associazioni studentesche
duellavano fra loro. Dal cranio, gli escono sogni di eroici
combattimenti. Alle sue spalle, col vaso da notte in testa,
c’è un editore strabico, identificabile con Alfred Hugenberg,
famoso per le sue posizioni guerrafondaie e antisemite.
334
Opera militante a tutti
gli effetti, il quadro è una
sferzante critica da sinistra
alle fondamenta del sistema
sociale e politico della
repubblica di Weimar.
Grosz è infatti politicamente
schierato, anche se
all’epoca della produzione
della tela, nel 1926,
l’autore, deluso, ha
abbandonato il Partito
Comunista Tedesco.
In questo quadro, con
la graffiante deformazione
della realtà tipica della
pittura espressionistica,
dipinge alcuni “tipi ideali”
del suo tempo: il convinto
nazionalista in primo piano
e l’editore di estrema destra;
il politico opportunista
dalla cui testa escono
degli escrementi e il pastore
beone con gesto
benedicente. Alle spalle
dei quattro, mentre
una casa brucia, si scatena
l’azione repressiva.
Una fosca profezia del
futuro della Germania.
© 2009 Ludion Publishers, Antwerpen/Flavio Febbraro e Burkhard Schwetje
I politici della nuova repubblica
335
1945 LA BOMBA ATOMICA
IRI e TOSHI MARUKI, Fuoco.
L’inizio dell’era nucleare
Il mattino del 6 agosto 1945 fu sganciata dagli Americani
sulla città giapponese di Hiroshima la bomba atomica Little
Boy che immediatamente uccise 140.000 persone e distrusse
completamente la città. Tre giorni dopo, il 9 agosto, stessa sorte capitò al porto di Nagasaki dove le vittime furono circa
70.000. Sotto lo choc di queste nuove armi le cui radiazioni iniziavano a mietere vittime tra la popolazione superstite delle
due città e mentre l’URSS attaccava in Manciuria, il 15 agosto
il Giappone capitolava. L’uso della bomba atomica fu giustificato dagli USA come l’unico mezzo per costringere i generali
giapponesi ad arrendersi ed evitare così uno sbarco in Giappone che sarebbe costato centinaia di migliaia di vittime. Nei
fatti si dava il via all’era nucleare, con armamenti la cui potenzialità distruttiva avrebbe presto raggiunto livelli inimmaginabili, e alla corsa all’atomica: l’URSS si dotò di questa arma di
distruzione di massa già nel corso del 1949.
Inferno La raffigurazione dell’inferno di fiamme di Hiroshima
cita l’arte giapponese tradizionale e il suo modo di rappresentare i tormenti
a cui sono sottoposti i dannati nella visione buddista dell’aldilà.
360
© 2009 Ludion Publishers, Antwerpen/Flavio Febbraro e Burkhard Schwetje
1950. Inchiostro su carta, 180 x 720 cm.
Higashimatsuyama, Maruki Gallery for the Hiroshima Panels.
Nella realizzazione di questo pannello e degli altri 14 della serie dedicata
all’inferno nucleare di Hiroshima, la coppia di artisti giapponesi Iri
e Toshi Maruki parte innanzitutto da un’esperienza personale: avevano
raggiunto la città distrutta tre giorni dopo l’attacco del 6 agosto portando
soccorsi, ed erano diventati testimoni delle sofferenze inimmaginabili
causate dall’esplosione nucleare. I due artisti iniziano nel 1948 a riversare
in arte le impressioni ricevute, progettando inizialmente un unico quadro.
Il tema li cattura però a tal punto che, fino al 1972, dipingono in tutto
14 pannelli, muovendo dal grido di indignazione realizzato sull’onda del
rifiuto emotivo, a una più complessiva riflessione sulla violenza distruttiva
della seconda guerra mondiale e della guerra moderna in generale.
Dalla ricerca scientifica alla bomba
Settembre 1942
Per prevenire le eventuali ricerche tedesche sulla bomba
atomica, viene accelerato negli USA il progetto Manhattan,
diretto dal fisico Robert Oppenheimer e, per la parte militare, dal generale Leslie R. Groves. Vi partecipano fisici
come Enrico Fermi e Edward Teller. Einstein è a conoscenza del progetto.
2 dicembre 1942
A Chicago Enrico Fermi realizza il primo reattore nucleare a fissione controllata.
1943-1945
Nei laboratori segreti di Los Alamos nel New Mexico si lavora a due progetti entrambi realizzati: la bomba all’uranio arricchito e quella al plutonio.
16 luglio 1945
Ad Alamagordo, nel deserto del New Mexico, viene compiuto il primo test nucleare facendo esplodere la bomba al
plutonio Gadget.
6-9 agosto 1945
Le due bombe prodotte a Los Alamos, Little Boy (all’uranio) e Fat Man (al plutonio), sono sganciate su Hiroshima
e Nagasaki.
Orrore Il tratto fine della tradizionale arte sumi-e,
che usa solo le diverse gradazioni del grigio
e del nero dell’inchiostro, è qui utilizzato per descrivere
l’orrore dell’attacco nucleare in tutta la sua brutalità.
361
L’11 settembre
Ore 7-7,30
19 terroristi s’imbarcano su quattro voli con destinazione California dagli aeroporti di Boston, Washington Dulles e Newark.
Ore 8,13
Il volo American Airlines 11 è dirottato; ai comandi si siede Mohammed Atta, capo del commando suicida. Anche gli altri aerei sono dirottati a partire dalle 8,44.
Ore 8,46
L’American Airlines 11 si schianta sulla Torre Nord del
World Trade Center.
Ore 9,03
Il volo United Airlines 175 colpisce la Torre Sud del World
Trade Center. Lo schianto è trasmesso in diretta televisiva in tutto il mondo.
Ore 9,37
Il volo American Airlines 77 si abbatte contro la facciata Ovest del Pentagono.
Ore 9,59
La Torre Sud del World Trade Center collassa su se stessa. Alle 10,28 il medesimo destino tocca alla Torre Nord.
Ore 10,03
L’ultimo aereo dirottato precipita nei pressi della cittadina
di Shanksville nella Pennsylvania; a bordo, passeggeri ed
equipaggio si sono ribellati ai dirottatori.
2001 GLI ATTACCHI TERRORISTICI
DELL’11 SETTEMBRE
Guerre e insicurezza
Quando l’11 settembre 2001 gli aerei civili dirottati si sono
schiantati sulle Torri Gemelle a New York – causando la morte
di più di 3.000 persone – e su un’ala del Pentagono, la storia dell’inizio millennio è stata segnata in modo indelebile. Individuata infatti la responsabilità dell’attentato nell’organizzazione terroristica al-Qaida guidata dal saudita Osama bin Laden, è
partita subito la reazione militare USA – con l’appoggio NATO
– con l’attacco dell’ottobre 2001 all’Afghanistan, colpevole di
ospitare Bin Laden e al-Qaida. La successiva affermazione della strategia della guerra preventiva contro chiunque minaccias-
380
© 2009 Ludion Publishers, Antwerpen/
Flavio Febbraro e Burkhard Schwetje
JACK WHITTEN, 9.11.01. 2006. Tecniche miste e acrilico su tela,
305 x 609 cm. New York, Alexander Gray Associates.
se o fosse sospettato di minacciare un attacco non convenzionale, ha portato gli Stati Uniti all’invasione dell’Iraq del marzo
2003. Le parole “sicurezza” e “terrorismo” hanno dominato
dall’11 settembre in avanti l’agenda politica di tutto il pianeta,
modificando anche i valori attribuiti ad altri vocaboli del lessico
politico come democrazia e libertà.
L’artista afroamericano Jack Whitten parte da
un’esperienza personale per affrontare il
complesso tema dell’11 settembre: dalla sua casa
di New York ha assistito alla costruzione delle Torri
Gemelle e anche il giorno degli attentati era
presente. L’artista elabora questa esperienza e
vuole restituire allo spettatore le sensazioni che ha
provato in quelle drammatiche ore, coniugandole
a una riflessione complessiva sull’evento. Lo stesso
Whitten sottolinea, in un’intervista del 2007, che
ha inserito nel quadro «denaro, petrolio e sangue
– i tre elementi da cui non si può prescindere in
ogni discussione sull’11 settembre». La piramide
che domina la tela cita, infatti, quella che è
stampata sul verso della banconota da un dollaro.
Materiali e caos Silice, ossa schiacciate, sangue,
il minerale mica, ruggine, cenere… questi sono alcuni
dei materiali usati dall’artista per esprimere il caos
di macerie e detriti successivi all’implosione delle torri e
l’atmosfera satura di frammenti di vetro che egli ricorda
come prima sensazione dopo l’impatto degli aerei.
381

Similar documents

×

Report this document